Bologna 2 Agosto – Recensione

Una delle ragioni che confina nell’ipotesi l’aggregarsi nel nostro paese di una lucida coscienza collettiva, quindi di uno strumento atto a guardare al futuro secondo le linee di un sentire condiviso, è l’equivoca – e spesso tragica – “coesistenza” di un passato irrisolto, dai contorni per molti versi ancora oscuri (e perciò stesso assai controverso) e un presente – su cui quel passato non fa che riverberarsi – di conseguenza opaco, ripiegato malamente su se stesso, intriso di rancori mai sopiti, crogiolo di polemiche estenuante quanto, a conti fatti, senza approdo. Tale collante pervade di sé, ad esempio, buona parte degli avvenimenti che dalla fine degli anni Sessanta del secolo scorso e per quasi un ventennio hanno sostanziato quella che abbiamo imparato a conoscere come “strategia della tensione“.

Intorno ad un clima del genere che è anche un preciso autoritratto della nazione, almeno quella recente, si esercita un film come “Bologna 2 Agosto/I giorni della collera“, del duo Molteni/Santamaria M., concentrandosi sulla ricostruzione dei fatti che precedettero ed immediatamente accompagnarono la strage alla stazione di Bologna del 2 agosto del 1980 (nemmeno quaranta giorni dopo, è utile ricordarlo, quella che coinvolse il DC-9 Itavia sui cieli di Ustica) in cui 85 persone persero la vita e oltre
duecento rimasero ferite.

Con un occhio all’indagine giornalistica, l’altro ai risvolti processuali maturati nel tempo, entrambi supportati dai materiali di repertorio in gran parte forniti dall’archivio RAI – presupposti sottolineati dalle sovrimpressioni puntuali di luoghi, date e orari autentici, nei modi del classico ticchettio dei tasti di una macchina da scrivere – il film è nel
proprio elemento quando si affida al montaggio essenziale, alla concatenazione serrata degli eventi (seppure al limite di un didascalismo insistito) che circoscrive la parabola criminale/eversiva auto-ribattezzatasi “spontaneismo armato” del gruppo estremista dei NAR, alcuni membri storici del quale – Fioravanti, Mambro e Ciavardini – al pari di altri protagonisti dell’epoca, tipo l’origine per antonomasia di tutte le trame nostrane, Licio Gelli o il giudice Mario Amato, assassinato nel giugno di quel fatidico 1980 – con una scelta narrativa che in parte rende più difficile l’accostarsi ad argomenti già di per se’ contraddittori da parte di chi non c’era o non sapeva – vengono indicati con nomi di fantasia. Spazi, volti, episodi violenti e intrecci vischiosi, quindi, si succedono lineari, assecondando l’energia “grezza” del richiamo cronachistico e il flusso imprevedibile delle tensioni sociali.

Dove l’impianto si disunisce a mostrare i limiti di una visione centrata quasi esclusivamente sullo scrupolo documentaristico, priva cioè di un’impronta registica riconoscibile, è nel blando anonimato, in una qual corrività, che caratterizza i momenti di finzione vera e propria. Alla generale piattezza di psicologie troppo affini agli stereotipi di riferimento (i banditi spietati e poco altro; i rappresentanti delle istituzioni ora integerrimi ora in odore di connivenze; il burattinaio sinistro e impenetrabile, e tralasciando la parentesi sentimentale tra il giudice/Flaherty e la giornalista/Colombari che ben poco ha da dire nel contesto e nel tono generale del film), si associa una recitazione spesso e volentieri legnosa, para-televisiva, organizzata attorno a dialoghi la cui maldestra assertività forza spesso i personaggi ad esprimersi con un’innaturale cadenza declamatoria.

Commendevole perché privo di compagni di viaggio in un contraddittorio civile adulto ‘ab aeterno’ affidato ad una metanoia con ogni probabilità illusoria – e forse, chissà, a questo punto persino immeritata – “Bologna 2 Agosto…” non riesce alla fine a coniugare la schiettezza del suo slancio ad uno sforzo di prospettiva, ad una esplicita intenzione polemica, tale da trasformare in via definitiva l’esercizio della memoria in punto di riferimento vivo del presente.

Condividi :

1 Comment

  • Nikky
    March 6, 2015 at 12:31 am 

    The review is good as alawys telling about the theme and at the same time not telling the story eventually creating interest to watch the movie. But one thing to correct – cast in Dil chahta hai is “Akshay khanna” not Rahul apart from Aamir & saif -Purnima

Leave a Reply