Polvere - Il Varco

POLVERE - Un film di Antonio Romagnoli

“Polvere” è un film di Antonio Romagnoli tratto dall’omonima piéce teatrale scritta ed interpretata da Saverio La Ruina. Attualmente è in fase di post-produzione.

La polvere a cui si allude nel titolo fa riferimento alle piccole violenze psicologiche che avvengono all’interno di una coppia – nello specifico l’uomo è il carnefice e la donna vittima – e che, accumulandosi, danno origine ad una violenza più grande e, seppur non subito tangibile, ancora più dannosa di quella fisica.Fa notizia, e di conseguenza percepiamo maggiormente rilevante l’episodio estremo di violenza; La fa meno il sottostante, incerto, facilmente sfuggente e occultabile sotto al tappeto, come la polvere. Questo film vuole mettere a fuoco dinamiche psicologiche proprie di un rapporto malato, spesso la fase embrionale di un tunnel da cui si non si ha la forza di uscire. L’obiettivo è suscitare reazioni e riflessioni sia nella vittima che nel carnefice (che, attenzione, non sempre sono identificati con la donna e l’uomo, rispettivamente), a vari livelli di intensità.

Nello spettacolo – e di conseguenza nel film – si indagherà quindi circa una realtà (quella, appunto, della violenza psicologica all’interno della coppia) che è molto più diffusa e pericolosa di quanto si possa immaginare, spesso taciuta a causa della necessità di mostrare agli altri una relazione felice che porta ad omettere un privato in verità doloroso.

IL PROGETTO

Il progetto nasce dall’incontro tra l’autore dello spettacolo, Saverio La Ruina, ed il regista Antonio Romagnoli, che hanno recentemente già collaborato assieme nel cortometraggio “Memorie di un viaggiatore”, diretto da Romagnoli e che vede nel cast, oltre a La Ruina, anche Alessandro Haber e Valentina Picello.

“Polvere” (la sceneggiatura è stata scritta da Antonio Romagnoli, Saverio La Ruina e Judith Baldo) sarà quindi l’esordio al lungometraggio di Romagnoli, che oltre a La Ruina dirigerà Roberta Mattei, attrice affermata nel teatro e che ha recentemente preso parte al film “Non essere cattivo”.

PRESENTAZIONI DEL PROGETTO

CAST E CREW

Saverio La Ruina

É attore, drammaturgo e regista teatrale. Formatosi con Jerzy Stuhr e Leo De Berardinis, fonda nel 1992 con Dario De Luca la compagnia Scena Verticale e nel 1999 diventa direttore artistico del festival Primavera dei Teatri. Nel 2007 vince due Premi UBU come Migliore attore italiano e per il Migliore testo italiano con Dissonorata. Un delitto d’onore in Calabria, monologo di cui è autore, regista ed interprete. Nel 2009 il festival Primavera dei Teatri vince il Premio UBU. Nel 2010, con La Borto, monologo di cui è autore, regista ed interprete, vince il Premio Hystrio per la Drammaturgia e il Premio UBU per il Migliore testo italiano oltre ad ottenere una nomination al Premio UBU come Migliore attore italiano. Nel 2012 vince il Premio UBU come Migliore attore italiano con Italianesi.

Roberta Mattei

Dopo essersi diplomata presso la Scuola Nazionale di Cinema ed aver accumulato una vasta esperienza a teatro, er quanto riguarda il cinema: ultimo film dell’attrice è “Veloce come il vento” (2016) di Matteo Rovere, con cui aveva già collaborato nel film “Italian Race”. Il film sarà distribuito nelle sale italiane a partire dal prossimo 7 aprile. Nel 2015 ha inoltre lavorato con Francesco Lagi per la realizzazione del film “Connessioni: 10 incontri sentimentali” dove ha interpretato la parte di Elisa, e nel film applaudito e plurielogiato dalla critica “Non essere cattivo” di Claudio Caligari.

LA CREW

Antonio Romagnoli – Regista e sceneggiatore

Judith Baldo: co-sceneggiatrice

Marta Anna Borucinska – Aiuto regia

Alberto Di Caro – Assistente alla regia

Andrea Gatopoulos – Direttore della fotografia

Giuseppe Torcaso – Operatore di camera

Claudio Bagni – Fonico

Paolo Ballarini – Montaggio e sound mix

Luca Romagnoli – Runner